Gli archivi diaristici e autobiografici. Potenzialità e prospettive per la ricerca geografica

Autori

  • Elena Dai Prà Università degli Studi di Trento
  • Carolien Fornasari

DOI:

https://doi.org/10.13133/2784-9643/17398

Abstract

Il presente contributo si propone di esplorare la validità e le potenzialità per la geografia letteraria di un genere ancora poco indagato, quello della scrittura personalista. L’analisi critica delle fonti autobiografiche – categoria che racchiude principalmente diari, memorie e autobiografie – può consentire al pari di generi maggiormente privilegiati dai geografi quali la narrativa e la letteratura di viaggio, di reperire utili informazioni per ricostruire determinati assetti territoriali e i loro relativi riscontri paesaggistici, anche in chiave diacronica. Al fine di colmare il vulnus individuato nella letteratura esistente e incoraggiare l’esegesi geografica dei testi autobiografici, si propone un approfondimento in due direzioni; da un lato, si vaglia la possibilità di applicare due diverse metodologie consolidate dalla geografia letteraria – quella strutturalista e quella semiotica – all’analisi dei testi autobiografici, e dall’altro, si presentano alcuni possibili casi di studio, potenziali luoghi di ricerca, selezionati tra diverse realtà dedicate alla conservazione di testi autobiografici alla scala italiana ed europea.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-12-22

Fascicolo

Sezione

Articoli