Le città murate della Repubblica di Venezia: risorsa per un turismo reticolare s-Low

Autori

DOI:

https://doi.org/10.13133/2784-9643/17480

Abstract

La Repubblica di Venezia nei secoli XVI e XVII dominò i territori italiani di terraferma e della costa orientale adriatica mediante forme di controllo commerciale che presupposero la fortificazione dei porti e delle città di frontiera. Partendo dal sistema delle città murate recentemente riconosciute (2017) quale Patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco, l’articolo intende analizzare tale rete e, considerando anche alcune città costiere che presentano tracce di edifici difensivi «alla moderna», includere detti elementi in un network turistico definito s-Low. Infatti, la valorizzazione dei beni culturali e naturali in un’ottica s-Low favorisce il perseguimento di azioni atte a favorire il potenziamento delle peculiarità territoriali, promuovendo una progettazione turistica condivisa in una prospettiva reticolare e sostenibile. Questa tipologia di turismo, basata sulla valorizzazione di risorse mediante la loro messa in rete, è stata proposta dal Centro per gli studi territoriali DiathesisLab dell'Università di Bergamo.. Il laboratorio cartografico, infatti, si avvale di metodi e strumentazioni per il mapping al fine di diffondere e divulgare un modello di turismo sostenibile.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-07-02

Fascicolo

Sezione

Articoli